Codice Etico

SHORTLINE

 

Codice etico

1- Organizzazione
Un Festival è organizzato da un’entità autonoma e indipendente. 
 
2 – Durata
Un Festival è un evento culturale: presenta una varietà di film nel corso di diverse proiezioni giornaliere, in un periodo di tempo variabile, preferibilmente da 5 a 12 giorni.
 
3 – Date
Le date devono essere stabilite considerando il calendario dei festival regionale, nazionale e internazionale.
 
4 – Festival Internazionali
Condizioni per essere un festival internazionale:
a) se competitivo, la selezione deve includere un minimo di 25 film provenienti da 10 differenti Paesi
b) almeno il 50% dei film deve provenire dall’estero
c) devono essere disponibili per il pubblico le traduzioni simultanee o, preferibilmente, i sottotitoli
Per gli ospiti stranieri e i professionisti è consigliata la traduzione in una lingua diffusa internazionalmente.
 
5 – Regolamenti
Ogni Festival deve stabilire le condizioni di partecipazione e pubblicizzare per iscritto i premi in palio, il tipo di ospitalità che offre, le date di registrazione, le date di selezione, le modalità di restituzione delle copie, i rimborsi previsti in cao di danneggiamento delle copie.
E’ escluso il pagamento di quote di partecipazione. Il deposito di copie presso il festival è su base strettamente volontaria. Per i festival internazionali tutte le pubblicazioni devono essere bilingue, una delle quali diffusa internazionalmente.
 
6 – Assicurazioni
Il festival deve avere un’assicurazione che copra i rischi di possibili danneggiamenti delle copie nel periodo compreso tra il ricevimento e la restituzione.

7 – Selezione
Il Festival deve notificare la selezione di un film a chi lo ha iscritto almeno quattro settimane prima dell’inizio del festival, e la non selezione di un film almeno due settimane prima.
 
8 – Promozione
Un festival deve dotarsi di un ufficio stampa cha abbia la possibilità di distribuire foto, diapositive e press book per ogni film.  Inoltre  può  mettere  a  disposizione  delle televisioni  videocassette promozionali della  durata massima di 3 minuti  per  ciascun  film, o comunque non più lunghe del 10% dell’intera durata dell’opera, solo su autorizzazione scritta degli aventi diritto.
 
9 – Catalogo
I cataloghi devono includere le seguenti informazioni:
a) gli indirizzi completi del produttore e del distributore
b) per film provenienti da cineteche o collezionisti, dovrà apparire la menzione “collezione privata” e il riferimento del collezionista o della cineteca a seconda della volontà dei possessori
c) lista dei credits dettagliata, contenente come minimo i nomi del regista, dello sceneggiatore, e ove possibile, del direttore della fotografia, del fonico, del musicista, dello scenografo, del montatore. Inoltre il cast, la sinossi del film, la biofilmografia del regista e i premi precedentemente vinti
d) una dettagliata presentazione dei membri delle giurie
e) una lista dei premi
f) una pagina dedicata all’organizzazione con indirizzi e telefoni
g) il catalogo di un festival internazionale deve essere bilingue, una delle quali diffusa internazionalmente.
 
10 – Ospitalità
Il  festival  deve  invitare  i  registi  (o  loro  rappresentanti)  dei  cortometraggi in  concorso  e  facilitare la presenza di ospiti quali  giornalisti e professionisti (produttori, distributori, compratori, responsabili di programmi televisivi, organizzatori di festival).
Il festival deve fornire tutti gli accreditati di un elenco degli ospiti presenti.

11 – Proiezioni
a) i film devono proiettati nel loro formato originale
b) i film devono essere proiettati da professionisti che ne rispettino le condizioni tecniche e artistiche: formato, lenti, oscuramento della sala, completa proiezione dei titoli di testa e di coda, velocità, ecc. Si raccomanda ai festival di fare controllare le proprie attrezzature tecniche da un’apposita commissione tecnica.
 
12 – Programmazione
a) ogni   film   deve   godere   dello   stesso   trattamento:   visbilità,   tipo   di   sala,   numero   di   proiezioni (tenendo conto delle limitazioni imposte dai produttori)
b) ogni regista di film in concorso deve godere di uguali condizioni di ospitalità
c) ogni delegazione straniera di Paesi che presentino film deve godere di  uguali condizioni di ospitalità
d) il numero di proiezioni per film deve essere al massimo di 4
e) devono essere organizzati dibattiti con i registi e i professionisti. Il festival deve favorire e organizzare incontri tra autori, stampa e pubblico
f) nessuna proiezione deve essere effettuata prima o dopo il festival senza il consenso scritto degli aventi diritto
g) i festival non devono pagare il noleggio per le proiezioni delle copie dei film in concorso nelle sezioni internazionali.
 
13 – Giuria
- deve  essere  composta  da  un  minimo  di  5  membri,  professionisti  o  artisti.  Non  devono  essere  pagati  per  la  loro prestazione
- la giuria deve assistere alle proiezioni dei film in concorso per un massimo di 6 ore al giorno
- in un festival internazionale almeno il 50% della giuria deve provenire da Paesi differenti.
 

14 – Premi
I premi possono essere in denaro o in servizi. I premi in denaro devono essere consegnati al massimo entro 2 settimane dalla fine del festival. Il festival deve specificare a chi va il premio (produttore, regista, attori…). Nell’assegnazione dei premi i registi hanno preferibilmente la precedenza.
 
15 – Statistiche sul pubblico
Il  principale  obiettivo  di  un  festival è  ottenere  la  più  ampia  partecipazione  di  professionisti e di pubblico. Il  festival è invitato a conteggiare il numero preciso di partecipanti, distinguendo tra paganti e non, studenti e proiezioni speciali.
 
16 – Norme doganali
Il festial deve chiedere alla dogana il permesso per l’importazione temporanea dei film in concorso. Deve, inoltre, attenersi alle condizioni doganali per garantire il ricevimento e la restituzione delle copie.
 
17 – Restituzione delle copie
Le copie devono essere restituire entro due settimane dalla fine del festival. Nel caso di un tour del festival deve essere chiesta l’autorizzazione agli aventi diritto. La partecipazione ad un festival non implica proiezioni dopo il festival, neppure per i film premiati.
Un festival non deve inviare e copie ad un altro festival senza l’autorizzazione scritta degli aventi diritto.
 
18 – Circuitazione del festival
Le responsabilità del festival permangono in caso di tour dei film, tranne se presenti accordi diretti tra gli aventi diritto e gli organizzatori del tour. Le proiezioni in un tour implicano un compenso.
 
19 – Archivi
I festival sono invitati a costituire il proprio archivio: schede, foto, poster, ecc.
 
(Regolamento stabilito dal Carrefour des festivals, adattato alle esigenze dei festival di cortometraggi dall’International Short Film Conference nel 1995)


News

SHORTLINE


SHORTLINE 02/05/2012
Da una idea di Sedicicorto nasce, shortline (il corto è in linea), un portale messo a disposizione  come strumento ..